Contenuto principale

INTERVISTE

Trasmissione Uomini e Profeti - RAI Radio3 - 28 febbraio 2015

"Sette” o culti alternativi? Uno sguardo nel bisogno di credere

Con Massimo Introvigne, Raffaella Di Marzio, Silvio Palombouominieprofeti

 

ASCOLTA IL PODCAST

 

Il punto  è il bisogno di credere. Un dato a partire  dal quale le scienze sociali, alla luce di verifiche e riscontri scientifici, stanno problematizzando la realtà estremamente complessa e sfuggente dell’affiliazione e della disaffiliazione, invitandoci anche ad adottare una terminologia più sfumata e cauta, che meglio aderisca ad una materia dove nulla è dato per scontato. Ha senso dunque parlare ancora di sette? Oppure dobbiamo ragionare in termini di “culti alternativi” e “movimenti minoritari”, dove trovano spazio le fragilità, le attese umane, ma anche, non dimentichiamolo, la libera e consapevole autodeterminazione dell’individuo? E in questo nuovo orizzonte, cosa pensare della manipolazione mentale, della persuasione coercitiva? Ne parliamo con i nostri ospiti, Massimo Introvigne, fondatore e direttore del Cesnur – Centro Studi sulle Nuove Religioni -  Raffaella di Marzio, psicologa della religione, Silvio Palombo, della comunità Damanhur.

 

Suggerimenti di lettura

M. Introvigne, Il lavaggio del cervello: realtà o mito?, Elledici, 2002

M. Introvigne - PierLuigi Zoccatelli (sotto la direzione di), Le Religioni in Italia, Elledici 2013

R. Di Marzio, Nuove religioni e sette. La psicologia di fronte alle nuove forme di culto, Edizioni Magi, 2010

 

Musica

Gaetano Badalamenti, Hallucination,  dal film "Holy Smoke!"

https://www.youtube.com/watch?v=uZnWZcRDjKw

 

Parole

La libertà di manifestare la propria religione o il proprio credo deve essere assoggettata alle sole limitazioni prescritte dalla legge, che sono necessarie, in uno stato democratico, nell’interesse della sicurezza pubblica, per la protezione dell’ordine pubblico, della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui.

Rapporto (1412/1999) del Consiglio d’Europa in risposta ai gruppi antisette estremi.

 

Link

http://www.dimarzio.info/it/

http://www.cesnur.org/

http://www.damanhur.org/


Visita la Pagina di Uomini e Profeti - Storie (RAI Radio3)

 

 

Prof. Raffaella Di Marzio - Nuovi Movimenti ReligiosiCopertina completa

Intervista di Luisa Perugini - 30 Aprile 2017

 

ASCOLTA IL PODCAST

 

La Prof. Raffaella Di Marzio presenta uno studio approfondito e documentato del fenomeno della diffusione dei nuovi movimenti religiosi in Italia.  


Visita il Sito di SBS Radio - Australia   

Trasmissione "Modem" (Edizione delle 08:25)

Tempio Solare 20 anni dopo

RSI

 

ASCOLTA IL PODCAST

 

La vicenda del suicidio-omicidio di massa dei seguaci della setta del Tempio solare provocò sgomento ed incredulità  in Svizzera - e non solo- quando , nella notte tra il 4 ed  il 5 ottobre del 1994, vennero rinvenuti i cadaveri carbonizzati di 48 persone: 25 in uno châlet di Salvan (VS) e altre 23 in una fattoria di Cheiry (FR). Fra loro anche i il capo della setta apocalittica Joseph di Mambro ed il guru-guaritore belga Luc Jouret.

Ma la scia di morte della setta, scelta da alcuni e imposta ad altri per “raggiungere un’altra dimensione”, arriva anche in Canada, dove altri cinque cadaveri erano stati scoperti a Morin Heights già il 30 di settembre e poi in Francia, vicino a Grenoble, dove il 23 dicembre del 1995 altri 16 seguaci dell’Ordine del Tempio vengono rinvenuti cadavere. Due anni piu’ tardi, i resti carbonizzati di altri cinque vengono rinvenuti a Saint Casini, nel Québec. Bilancio totale: 74 morti, fra cui 30 svizzeri, 30 francesi e 10 canadesi.

Due decenni più tardi rimangono ancora delle zone d’ombra: in ogni caso nessuno è mai stato incriminato e le ragioni profonde di questi drammi rimangono oscure.

Certo è che dopo questa strage si è parlato molto della pericolosità di alcune sette. Ma con quale eredità? C’è oggi maggior prudenza nei confronti di sette religiose ? Ci sono ancora gruppi pericolosi ?

Ne parliamo con Irene Becci, sociologa delle religioni e Raffaella di Marzio, psicologa delle religioni. Intervista registrata anche all’esperto di sette del Tages Anzeiger Hugo Stamm, mentre ci racconta la sua esperienza anche il collega Fabrizio Triulzi, fra i primi cronisti giunti a Cheiry dopo il dramma.

 


 

Visita la Pagina di Modem (Radio Svizzera italiana)

 

 Jean XXIII et Jean-Paul II parmi les saints - Articolo di Ewan Sauves. 27 Aprile 2014 

  

 

24H 2014-04-30 a

 

http://www.24hmontreal.canoe.ca/24hmontreal/actualites/archives/2014/04/20140427-124310.html#.U100s7Ag0dE.facebook

http://www.journaldemontreal.com/2014/04/27/jean-xxiii-et-jean-paul-ii-parmi-les-saints

 

 

C'è qualcuno lassù? Intervista di Elisabetta Sampietro pubblicata su For Men Magazine, Marzo 2014, pp.106-111.

 

intervista

Radio Maria- Intervista a Raffaella Di Marzio

Tavola rotonda del 15 Maggio 2013 condotta da Andrea Morigi, con Massimo Introvigne, PierLuigi Zoccatelli e Raffaella Di Marzio


Estratti della registrazione audio della trasmissione: