Contenuto principale

Solidarietà per Raffaella Di Marzio

Simonetta Po 

27 marzo 2008 


È di ieri la sconcertante notizia che il sito Web di Raffaella di Marzio (www.dimarzio.it) è stato posto sotto sequestro giudiziario dalla Procura di Bari.

Ma la cosa assolutamente più sconcertante è che la dott.sa Di Marzio, stimata studiosa di Nuovi Movimenti Religiosi con all'attivo numerose pubblicazioni e 4 lauree del tutto pertinenti con la sua attività di ricercatrice (che in sé non prevede certificazioni accademiche o iscrizione ad albi di sorta), è inquisita dalla Procura di Bari per reati gravi. Non si comprende bene il perché. Forse per aver partecipato quale osservatore partecipante ad un incontro di seguaci di Arkeon (il cui maestro Vito Moccia è attualmente inquisito e le attività seminariali del gruppo, interrotte) tenutosi a Roma il febbraio scorso? Incontro che nell'immediato venne sospeso dalla Digos la quale, dopo avere identificato i partecipanti consentiva ai convenuti di proseguire le attività.

Personalmente sono senza parole.

Non so quanti di voi abbiano seguito la vicenda Arkeon, ma credo che il presunto coinvolgimento della dott.sa di Marzio possa essere così riassunto:

  • a metà febbraio Raffaella di Marzio partecipò a una riunione di comuni cittadini, seguaci Arkeon, tenutosi in un albergo romano;
  • la riunione fu interrotta dalla DIGOS che identificò tutti i partecipanti lasciando poi che proseguissero normalmente le loro attività.
  • di lì a pochi giorni Raffaella Di Marzio pubblicò sul suo sito un articolo relativo all'evento, che mi prendo la libertà di riportare;
  • sul forum che fa(ceva) capo al sito di Raffaella Di Marzio, utenti esterni aprirono un thread in cui si discuteva di Arkeon, a cui parteciparono sia seguaci del pensiero del gruppo che ex.

Credo non sia tollerabile, in un paese civile, che uno studioso venga addirittura accusato di reati gravi per avere semplicemente preso parte da osservatore esterno a un incontro ritenuto lecito dalla DIGOS, e per avere ospitato sul suo spazio web una civile discussione tra sostenitori del metodo Moccia e suoi detrattori.

Oggi Raffaella di Marzio si trova inquisita per accuse infamanti e il suo sito web, preziosa risorsa per chiunque si interessi di fenomenologia settaria, oscurato. Non solo la sezione che si limitava ad ospitare una CIVILE DISCUSSIONE (e direi che il diritto di parola è ancora garantito dalla nostra Costituzione), ma TUTTO il sito.

Ritengo altresì sconcertante che i detrattori di Arkeon, che hanno fatto del forum del CeSAP Bari il loro ritrovo di elezione, "brindino" per quello che a me sembra un atto censorio del tutto immotivato e inaccettabile, di una gravità estrema. Non dubito che le accuse si dimostreranno - fra alcuni ANNI visti i tempi della nostra giustizia - del tutto infondate, ma che stanno facendo rischiare alla dott.sa Di Marzio il lavoro, la serenità familiare e, non ultima, la libertà personale. Oltre che costringerla a sostenere ingenti spese per la sua difesa legale.

Queste poche righe per manifestare alla dott.sa Di Marzio tutta la mia solidarietà, ben consapevole della sua onestà intellettuale e della sua estrema correttezza nell'affrontare, da studiosa qualificata e da ricercatrice seria ed esperta quale è da anni, la problematica inerente i gruppi settari.

Credo che la sua vicenda non debba passare sotto silenzio e meriti la nostra solidarietà. A chi dentro Arkeon ha subito abusi - e al CeSAP Bari che ha contribuito a sollevare il caso e ospita i "brindisi" per un così grave atto censorio, rivolgo una domanda che ritengo del tutto legittima: siete davvero sicuri di sapere che cosa è una "setta"? E siete sicuri di non starvi trasformando da probabili vittime in sicuri aguzzini?

Simonetta Po

 


Aggiornamento del 10 marzo 2011 

Archiviazione per infondatezza di notizia di reato

 

Finalmente il 10 marzo 2011 è arrivata la notizia che il kafkiano caso che ha vista coinvolta Raffaella Di Marzio, studiosa di fama internazionale, si è concluso nell'unico modo in cui si poteva concludere: CON UNA ARCHIVIAZIONE PER INFONDATEZZA DI NOTIZIA DI REATO.

Vale a dire che la/e persona/e che si era/no attivata/e per far credere al magistrato inquirente del "caso Arkeon" che:

  • Attraverso il suo sito la Di Marzio sta RICOMPATTANDO il gruppo, ESALTANDO il metodo, CONVINCENDO persone che avevano testimoniato contro Arkeon a fare marcia indietro.
  • Con tale condotta la Di Marzio si è inserita all'interno del gruppo Moccia DIVENENDONE RIFERIMENTO PRINCIPALE e con ciò CONDIVIDENDONE le finalità ILLECITE...
  • oltre che averla accusata di "abuso di professione medica" (così recitava l'avviso di garanzia che accompagnava il sequestro preventivo del suo sito www.dimarzio.it),  HA/HANNO SEMPLICEMENTE DETTO IL FALSO.

Queste falsità hanno portato grave danno alla Dott.ssa Di Marzio sia a livello personale, sia a livello professionale, sia a livello finanziario.
Al danno intrinseco, si è aggiunto quello dei ritardi della Procura di Bari: infatti, la richiesta di archiviazione della posizione della Di Marzio, fatta dallo stesso PM che l'aveva inquisita, fu firmata il 9 maggio 2009, per poi perdersi nei polverosi archivi del Tribunale. Nei due anni intercorsi tra la richiesta del PM e la firma del giudice la Dott.ssa Di Marzio è stata fatta oggetto di diffamazioni continuate e altre forme di molestia personale e professionale, quasi che un avviso di garanzia fosse una condanna definitiva e non quello che è: una semplice informazione che si sta indagando.

Non ultimo, quelle falsità hanno portato grave danno alla conoscenza, poiché quando la Dott.ssa Di Marzio venne colpita da quel vergognoso avviso di garanzia, che di fatto le tappava la bocca, si stava approntando a condurre uno studio scientifico sul gruppo Arkeon, studio che mai prima era stato realizzato e che a tutt'oggi ancora non esiste.
Al contrario, le uniche informazioni che il grande pubblico ha su quel gruppo è quanto diffuso dagli organi di informazione su suggerimento di parti che, a vario titolo, sono molto interessate a dipingerlo nella luce più cruenta e scandalistica possibile. Vuoi perché parti in causa in un processo, vuoi perchè in questo modo potranno essere intervistate da quegli stessi media e potranno "farsi un nome", ecc.

Per avere maggiori dettagli sulle molestie subite dalla Dott.ssa Di Marzio, coraggiosa voce che aveva osato "cantare fuori dal coro", si veda il suo blog.


LEGGI TUTTO