Contenuto principale

Il Vangelo di Giuda, uno dei vangeli gnostici risalenti al quarto secolo D.C., risveglia il mito di un cristianesimo "vero" che smaschererebbe quello tramandato dai Vangeli canonici. E' un altro frutto dell' ignoranza diffusa sulla storia del cristianesimo antico e del suo scontro con la gnosi. 

LA VERITA' SUL VANGELO DI GIUDA

Intervista a padre Thomas Williams, docente di Teologia Morale 

ROMA, venerdì, 7 aprile 2006 (ZENIT.org).- La National Geographic Society ha annunciato di voler pubblicare tra qualche settimana una traduzione in italiano di un antico testo identificato come il “Vangelo di Giuda”. 

Il manoscritto di 31 pagine in lingua copta, esposto per la prima volta a Ginevra nel 1983, sarebbe stato tradotto solo ora. 

ZENIT ha chiesto al sacerdote legionario Thomas D. Williams, Decano della Facoltà di Teologia dell’Università Regina Apostolorum di Roma, di commentare l’importanza di questa scoperta. 

Cosa è il “Vangelo di Giuda”? 

Padre Williams: Il manoscritto, che deve essere ancora autenticato, probabilmente risale al IV o V secolo, ed è una copia di un documento più antico, composto nell’ambito della setta gnostica dei cainiti [nome che deriva da Caino]. 

Il documento descrive Giuda Iscariota sotto una luce positiva, narrando come egli avesse obbedito ad un comando divino di consegnare Gesù alle autorità, per la salvezza del mondo. 

Potrebbe ben essere una copia del “Vangelo di Giuda” a cui si riferisce Sant’Ireneo di Lione nel suo lavoro “Contro le Eresie”, scritto verso il 180 d.C. 

Qualora questo documento si rivelasse autentico, quali questioni porrebbe rispetto alla tradizionale fede cristiana? Sarà in grado di “scuotere il Cristianesimo nelle sue fondamenta” come ipotizzato da alcuni commenti di stampa? 

Padre Williams: Sicuramente no. I vangeli gnostici, di cui ne esistono diverse versioni oltre a questa, non sono documenti cristiani in sé, poiché hanno origine da una setta sincretista che incorporava elementi tratti da diverse religioni tra cui anche il Cristianesimo. 

La comunità cristiana ha rifiutato questi documenti sin dal primo momento in cui sono apparsi, per via della loro incompatibilità con la fede cristiana. 

Il “Vangelo di Giuda” rientrerebbe tra questi documenti, pur mantenendo un grande valore storico, per il contributo che sarà in grado di dare alla nostra conoscenza del movimento gnostico. Ma esso non pone in alcun modo in questione il Cristianesimo. 

È vero che la Chiesa ha tentato di nascondere questo testo e altri testi apocrifi? 

Padre Williams: Questi sono miti fatti circolare da Dan Brown e altri teorici della cospirazione. 

Basta andare in qualsiasi libreria cattolica per trovare una copia dei vangeli gnostici. I cristiani possono non ritenerne vero il contenuto, ma non vi è alcun tentativo di nasconderli. 

Ma un antico documento di questo tipo non può porsi in concorrenza rispetto alle fonti cristiane tradizionali come i quattro Vangeli canonici? 

Padre Williams: Non dimentichiamo che lo gnosticismo è nato nella metà del secondo secolo e che il “Vangelo di Giuda”, se autentico, probabilmente risale alla seconda metà di quel secolo. 

Per dare una prospettiva storica alla questione, sarebbe come se lei o io scrivessimo oggi un testo sulla Guerra civile americana, che poi venisse successivamente utilizzato come fonte storiografica primaria. Il testo non può essere stato scritto da testimoni oculari, come invece è avvenuto per almeno due dei Vangeli canonici. 

Per quale motivo gli esponenti del movimento gnostico sarebbero stati interessati alla figura di Giuda? 

Padre Williams: Una delle maggiori differenze tra il credo gnostico e quello cristiano riguarda l’origine del male nell’universo. 

I cristiani credono in un Dio buono che ha creato un mondo buono, e che, a causa del cattivo uso del libero arbitrio, il peccato e la corruzione siano entrati nel mondo, portando con sé disordine e sofferenza. 

Gli gnostici invece accusano Dio per il male presente nel mondo e imputano a lui la responsabilità di aver creato il mondo in questa forma disordinata e imperfetta. Di conseguenza rivalutano figure dell’Antico Testamento come Caino che ha ucciso il fratello Abele, e Esau, il fratello più grande di Giacobbe, che ha venduto la sua primogenitura per un piatto di lenticchie. 

Giuda rientra perfettamente nei canoni gnostici perché mostra un Dio che vuole introdurre il male nel mondo. 

Ma il tradimento di Giuda non era una parte necessaria del piano di Dio, come questo testo lascia ad intendere? 

Padre Williams: Dio, essendo onnisciente, sa benissimo quali scelte noi faremo ed è in grado di intrecciare anche le nostre decisioni sbagliate nel suo piano provvidenziale per il mondo. 

Nel suo ultimo libro, il Papa Giovanni Paolo II eloquentemente riflette su come Dio continui a far emergere il bene persino nell’ambito del peggior male di cui l’uomo possa essere capace. 

Questo non significa, tuttavia, che Dio voglia farci del male, o che egli abbia voluto che Giuda tradisse Gesù. Se non fosse stato Giuda sarebbe stato qualcun altro. Le autorità avevano già deciso di mettere Gesù a morte ed era solo questione di tempo. 

Qual è la posizione della Chiesa su Giuda? È possibile “riabilitarlo”? 

Padre Williams: La Chiesa cattolica ha la facoltà, attraverso un procedimento di canonizzazione, di dichiarare la santità di talune persone. Ma non ha un analogo procedimento per dichiarare che altre persone siano state condannate. 

Storicamente, molti hanno ritenuto che Giuda si trovi probabilmente nell’inferno, sulla base della grave accusa formulata da Gesù: “Sarebbe meglio per quell'uomo se non fosse mai nato” (Mt 26, 24). Ma persino queste parole non offrono una prova definitiva sul suo destino. 

Nel suo libro del 1994, “Varcare la soglia della speranza”, il Papa Giovanni Paolo II ha scritto che questa dichiarazione di Gesù “non può essere intesa con sicurezza nel senso dell’eterna dannazione”. 

Ma se c’è qualcuno che si merita l’inferno non è proprio Giuda? 

Padre Williams: Certamente molte persone si meritano l’inferno, ma non dobbiamo mai dimenticare che la misericordia di Dio è infinitamente più grande della nostra malvagità. 

Pietro e Giuda, ad esempio, hanno commesso azioni colpevoli molto simili: Pietro ha rinnegato Gesù tre volte e Giuda lo ha tradito. Eppure ora Pietro viene venerato come santo e Giuda semplicemente come il traditore. 

La principale differenza tra i due non è la natura o la gravità del loro peccato, ma la loro disponibilità ad accettare il perdono di Dio. Pietro ha pianto per i suoi peccati, è tornato da Gesù ed è stato perdonato. Il Vangelo racconta invece che Giuda si è impiccato preso dalla disperazione. 

Perché il “Vangelo di Giuda” sta suscitando tanto interesse? 

Padre Williams: Simili teorie relative a Giuda non sono certamente una novità. 

Basti pensare al musical del 1973 “Jesus Christ Superstar”, in cui Giuda canta dicendo di non aver pensato affatto al compenso e di non essere arrivato a quel punto per sua spontanea volontà, o al romanzo di Taylor Caldwell, del 1977, “Io, Giuda”. 

L’enorme successo del “Codice da Vinci” ha sicuramente risollevato il polverone ed ha fornito l’incentivo economico per riproporre teorie di questo tipo. 

Michael Baigent, autore del libro “Holy Blood, Holy Grail”, ha di recente pubblicato un libro dal titolo “The Jesus Papers” (I testi su Gesù) che ricicla la vecchia storia che Gesù sia sopravvissuto alla crocifissione. 

E un recente studio “scientifico”, riguardo al racconto evangelico di Gesù che cammina sulle acque, afferma che le condizioni meteorologiche avrebbero potuto essere tali per cui Gesù abbia in realtà camminato sul ghiaccio. 

In definitiva, per coloro che rifiutano a priori la possibilità dell’esistenza dei miracoli, qualsiasi teoria, per quanto stravagante, è in grado di sconfessare le convinzioni cristiane. 

Tratto da www.zenit.org


 

SI SVELA IL SEGRETO DEL VANGELO DI GIUDA

UN ANTICO manoscritto copto risalente al quarto/quinto secolo dC e che contiene l'unica copia esistente del Vangelo di Giuda sarà presentato alla stampa dopodomani, giovedì 6 aprile alle 10,30 (ora di Washington, le 16.30 in Italia) presso la National Geographic Society a Washington. Rimasto ignoto per 1.700 anni, il manoscritto è stato ricostruito, autenticato e tradotto grazie ad uno sforzo congiunto a livello internazionale che ha visto la partecipazione di National Geographic, della Maecenas Foundation for Ancient Art e del Waitt Institute for Historical Discovery. 

Alcune pagine ricostruite del manoscritto verranno mostrate in pubblico per la prima volta e - secondo quanto annunciato dal National geographic channel - presenta la figura di Giuda sotto una nuova luce. Il papiro manoscritto fu scoperto in Egitto negli anni ’50-’60 ma il suo proprietario non ne avrebbe compreso il significato fino a tempi molto recenti. 

Acquistato dalla Fondazione per le arti artiche Maecenas di Basilea e dal National Geographic il testo, ricostruito, autenticato e tradotto (in inglese, tedesco e francese) alla fine di un lungo lavoro sarà presentato giovedì prossimo a Washington. È possibile che i contenuti del manoscritto riaprano il dibattito e aggiornino le ricerche sul cristianesimo delle origini con qualche eventuale riflesso sulla dottrina. 

L'esistenza del Vangelo di Giuda - che originariamente era in greco antico - è attestata dal vescovo di Lione, Sant'Ireneo, che denunciò il testo come eretico nel II secolo. Fu attribuito ai «Cainiti», gnostici che giustificavano sia il fratricidio di Caino sia il tradimento di Giuda come atti indispensabili, e previsti da Dio, per la caduta e conseguente salvezza dell'umanità. Giuda, in sostanza, sarebbe stato, quindi, strumento della salvezza e per questo i Cainiti celebravano il «Mysterium proditionis». Il manoscritto - che, secondo alcuni, dovrebbe essere composto all'incirca di 30 pagine - è scritto in copto, lingua nazionale dell'Egitto a partire dall'epoca della conversione al Cristianesimo verso la metà del III secolo. 

Il copto si basa sulle 24 lettere dell'alfabeto greco integrate da sette voci derivate dal demotico per rendere i suoni particolari della lingua egiziana sconosciuti in greco. Essa comprende, cosa unica nella tradizione linguistica egiziana, anche le vocali; era inoltre scritta sempre da sinistra a destra, in linee orizzontali senza divisione tra le varie parole con una punteggiatura minima. Ancora oggi si usa nella liturgia della messa cristiana in Egitto. 

Sant'Ireneo nella sua opera «Contro gli eretici» afferma che i Cainiti sostenevano che «solo Giuda il traditore conosceva la Verità come nessun altro e che per questo ha realizzato il mistero del tradimento, in seguito al quale tutto, in terra e in cielo, rimase sconvolto. Essi hanno dunque prodotto una storia fondata su dette basi e l'hanno chiamata Vangelo di Giuda».

Tratto da www.iltempo.it