Contenuto principale

Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.  Sentenza 10 giugno 2010 condanna la Russia. 


Tratto dal sito www.olir.it


Russia: Testimoni di Geova, diniego del riconoscimento della personalità giuridica e violazione art. 9 e 11 CEDU.

Il rifiuto di concedere il riconoscimento giuridico alla congregazione dei Testimoni di Geova di Mosca costituisce un’ingerenza nel diritto dell'organizzazione religiosa alla libertà di associazione (art. 11 CEDU) e nel suo diritto alla libertà di religione (art. 9 CEDU).

La legge russa sulle confessioni religiose limita, infatti, la facoltà delle associazioni religiose prive di personalità giuridica di svolgere svariate attività religiose e di organizzarsi secondo un proprio statuto.

Tale ingerenza deve essere giustificata, secondo la Corte, da motivazioni particolarmente serie e pressanti; le autorità civili, invece, hanno mostrato di non essere imparziali nei confronti della comunità ricorrente e di aver negato il riconoscimento, e successivamente disposto lo scioglimento della comunità religiosa dei testimoni di Geova, al fine di vietare le attività dell’intera comunità ricorrente.


Leggi la Sentenza in traduzione italiana