Contenuto principale

 

di Raffaella Di Marzio

 

Per informazioni recenti sul movimento consulta l'Enciclopedia delle Religioni

Movimento che non ama essere incluso tra le religioni, ma la cui matrice è certamente da ricercarsi nell' induismo. 

 

 

STORIA

 

Le radici dell’insegnamento di Maharishi, fondatore della Meditazione Trascendentale (MT), sono senza dubbio da ricercarsi nella Advaita Vedanta induista, nonostante il movimento non voglia essere definito “religione”. Mahesh Prasad Varma, nato in India nel 1911, dopo essersi laureato in fisica, si trasferisce in un monastero per studiare con un maestro dell’ Advaita Vedanta e, nel 1956, comincia a insegnare con il nome di Maharishi. Egli fonda un movimento che, nel 1958, prenderà il nome di Movimento di Rigenerazione Spirituale. In seguito alle tournee internazionali che Maharishi compie in tutto il mondo la MT si diffonde in diversi Paesi e diventa famosa anche grazie all’adesione di personaggi come i Beatles e Mia Farrow. Dopo essersi ritirato in India Maharishi torna in occidente all’inizio degli anni ‘70 e ripresenta il suo insegnamento come una semplice “tecnica”, adattandolo così alla mentalità occidentale secolarizzata, nella quale i concetti religiosi riscuotono meno successo. 

Da questo momento in poi, dunque, la MT viene presentata semplicemente come una tecnica grazie alla quale sarebbe possibile ottenere benefici immediati di vario genere. E’ questo il periodo di maggior successo per Maharishi. Nel 1975 viene fondata L’ Università Europea di Ricerca Maharishi (M.E.R.U.) in Svizzera. Il movimento, grazie alla sua apparente aconfessionalità, cerca di ottenere finanziamenti pubblici e, negli Stati Uniti, comincia a diffondersi anche nelle scuole pubbliche, nell’esercito e in altri enti. In seguito a questa diffusione, e a causa delle proteste di gruppi protestanti evangelici, nel 1978 una Corte Federale dichiara che la MT è, in realtà, una pratica religiosa e che non può essere insegnata nelle scuole pubbliche. 

In Italia, secondo i dati dell’ Enciclopedia delle Religioni in Italia, la MT è diffusa in 30 centri. Da circa due anni le cronache locali si stanno occupando della MT dopo che il movimento ha presentato un progetto per la costruzione della Maharishi Vedic University in Italia. Il progetto prevede una costruzione imponente (si parla di seimila metri cubi) a Poggi di Baschi (TR). Un certo numero di abitanti della zona ha costituito un comitato per opporsi alla costruzione, mentre alcune forze politiche ne hanno caldeggiato la realizzazione. Sembra che, attualmente, la MT abbia ottenuto dal Comune la necessaria concessione e si prevede l’apertura del Campus per il 2003. 

 

 

COS'E' LA MEDITAZIONE TRASCENDENTALE

 

Il movimento rifiuta di essere definito una religione e dichiara di non chiedere mai ai frequentatori dei corsi di meditazione di rinunciare alla loro fede o di modificare il loro stile di vita. 

Secondo l’autopresentazione del movimento di Maharishi, tratta dal Sito Web ufficiale dell’organizzazione, la Meditazione Trascendentale è una “tecnica mentale naturale, che affonda le sue radici nell'antica Scienza Vedica”. La sua semplice applicazione offrirebbe numerosi benefici, come per esempio, la rimozione dello stress e della fatica, l’accumulo di “energia” e “chiarezza mentale”, lo sviluppo di intelligenza e creatività. La finalità di questo movimento è dunque quella di “riportare ogni manifestazione della vita individuale e sociale in piena armonia con la legge naturale. In tal modo l'intera società avrà sempre il sostegno della legge naturale e sarà possibile realizzare la meta finale che Maharishi ha posto per se stesso: la realizzazione di una società libera dalle malattie, dai problemi, dalla sofferenza e dalla povertà - il Paradiso sulla Terra”. 

La Meditazione Trascendentale in Italia è rappresentata dalla M.E.R.U, Università Europea di Ricerca Maharishi, fondata da Maharishi nell'Aprile del 1975. Lo scopo della sua fondazione sarebbe quello di promuovere “ricerche scientifiche nei più alti stati di coscienza e applicare la conoscenza così ottenuta in tutte le sfere della vita individuale e collettiva” e anche di “esaminare la crescita della vita come un tutto, includendo la fisiologia, la psicologia, e sociologia”. Si tratterebbe, dunque, di una “Università” in cui regna sovrana la “scienza”, secondo l’accezione singolare che ne dà il movimento.

 

 

ATTIVITA'

 

Il “Paradiso sulla terra” di Maharishi, sarebbe facilmente raggiungibile, anche dai bambini, poiché le pratiche da attuare sono molto semplici. La più importante è quella della meditazione per 15 o 20 minuti al mattino e alla sera comodamente seduti, con gli occhi chiusi. Oltre a ciò è necessario applicare il cosiddetto Effetto Maharishi e alcune strategie specifiche rivolte ad ogni aspetto della società: Ayur Veda , Gandharva Veda, Sthapatya Veda e Jyotish. 

l'AyurVeda (Scienza della piena durata della vita) consentirebbe di vivere a lungo e senza malattie. 

Il Gandharva Veda è la scienza vedica della musica. Questa musica creerebbe “potenti melodie da un mattino all'altro per neutralizzare le tendenze negative che nascono dalla violazione della legge naturale da parte dell'intera popolazione mondiale”.

Lo Sthapatya Veda è l'architettura vedica, per costruire in armonia con la Legge Naturale e "creare condizioni di vita ideali per mantenere una salute perfetta dell'individuo e per creare una società libera da malattie"

Il Jyotish è l'astrologia vedica, un’altra delle 40 “discipline della Scienza Vedica Maharishi”. Si tratterebbe di un “approccio matematico che contiene la conoscenza dei cicli del tempo che determinano ogni trasformazione”. Inoltre, “Come tecnologia di predizione, può dare una visione completa del passato, presente e futuro di un individuo”.

Alla Meditazione Trascendentale si affianca la MT-Sidhi. La parola "sidhi" significa perfezione e ciascuna delle procedure adottate dal programma di MT-Sidhi ha lo scopo di “portare verso stati di coscienza sempre più elevati - autorealizazzione o perfezione attivando potenziali creativi straordinari come la capacità di volare o di conoscere il passato e il futuro”.

 

 

MEDITAZIONE TRASCENDENTALE E VEDANTISMO

 

L’ autopresentazione del movimento, secondo la quale la MT non è una religione, non può impedire, a un osservatore appena attento, di mettere in evidenza quelli che sono i legami della MT con la tradizione induista. 

Secondo uno studio di François M. Dermine pubblicato in “Sette e Religioni”, tali legami si ritrovano nel retroterra spirituale di Maharishi, nei riferimenti al Vedantismo, allo yoga e ad alcune pratiche e credenze legate a quella tradizione. Lo scopo della MT è l’unione dell’uomo con l’Essere identificato con Dio. Secondo la tradizione Sankara dell’induismo vedantico, che il Guru dev (Il Divino Insegnante) di Maharishi insegnava nel monastero di Jyotyr Math, il mondo è solo illusione (Maya), tutto è illusione e tutto deve essere trasceso per sperimentare la pura unità tra il sé e Brahman che è l’Assoluto ”senza qualità”. Il fine dell’attività religiosa culmina nell’esperienza che consente all’uomo di prendere coscienza dell’identità del Sé e di Dio, dell’atman e del Brahman. 

Secondo la MT il modo per superare l’illusione (maya) ed entrare nella conoscenza della realtà è lo yoga. Questo è quanto afferma lo stesso Maharishi nel suo libro “Bhavagad Gita”: “lo Yoga , il sentiero dell’unione è il cammino diretto per sperimentare la natura essenziale della Realtà” e definisce la pratica dello Yoga come quella che consente alla mente di acquisire ”lo stato di intelligenza cosmica, quello stato illuminato dell’Essere universale che è all’apice dell’evoluzione”. Lo yoga della MT è lo yoga che consente, dunque, di arrivare alla conoscenza, alla liberazione del sé e all’unione con Dio. 

Dermine sottolinea, inoltre, che ciò che distingue lo yoga della MT dalle altre forme di yoga è la pretesa di raggiungere lo scopo senza lo sforzo della concentrazione e senza includere l’ascetica e i consigli morali presenti, invece, nelle dottrine tradizionali. Più che mirare alla contemplazione e al ricongiungimento con l’Essere Assoluto, la MT tenderebbe, dunque, al conseguimento di benefici materiali e all’acquisizione di presunti poteri. In questa prospettiva si potrebbe inserire questo movimento anche nel raggruppamento dei cosiddetti movimenti del “potenziale umano”.

Nella MT ci sono anche altre credenze e pratiche che riconducono la tecnica alla religione indù: innanzitutto la dottrina della reincarnazione alla quale Maharishi si rifà nel suo libro “La Scienza dell’essere e l’arte di vivere”. Lo stesso mantra, conferito durante la “puja” (cerimonia religiosa tipicamente induista) che sarebbe “neutro”, in realtà è l’insieme di nomi di divinità indù che la persona deve ripetere per 40 minuti al giorno in una forma molto vicina a quella di una giaculatoria.

 

 

LA MEDITAZIONE TRASCENDENTALE E LA SCIENZA

 

L’altro aspetto controverso della MT è quello che chiama in causa la scienza poiché il movimento sostiene di aver ricevuto riconoscimenti da Istituiti scientifici che elenca nel suo Sito Web e nelle sue pubblicazioni. 

A questo proposito James Randi, in un articolo pubblicato sulla rivista del CICAP (Comitato Italiano di Controllo sulle Affermazioni del Paranormale), “Scienza & Paranormale”, sostiene che, nonostante l’attrazione che la MT esercita su milioni di persone, dal punto di vista scientifico essa è priva di ogni fondamento. Randi mette in dubbio i benefici che deriverebbero, secondo la MT, dalla pratica della meditazione: riduzione dell’ansia, miglioramento del rendimento lavorativo e del quoziente intellettivo e, dulcis in fundo, miglioramento generale dell’intera umanità in tutti i campi. Secondo la MT gli effetti benefici della Meditazione sono indiscutibili e le prove “scientifiche” vengono presentate (attraverso grafici, calcoli statistici, comparazioni matematiche, esami medici, risultati di esperimenti) agli studenti che hanno superato la fase iniziale dei corsi. 

Poiché queste affermazioni chiamano in causa la scienza, vanno sottoposte a verifiche scientifiche. Per questo motivo Randi, nel suo articolo, esamina alcune dichiarazioni della MT e le confuta. Durante la recitazione del “mantra”, per esempio, la percentuale di ossigeno consumato dai soggetti trascendentalisti in stato di trance non è significativamente inferiore rispetto a quella consumata da soggetti normali che ascoltano musica a basso volume, come afferma la MT. Di conseguenza, la quantità di ossigeno consumata durante la recitazione del mantra “non può essere considerata un fattore determinante per stabilire la validità scientifica della filosofia in questione”. 

Anche il minore consumo di biossido di carbonio durante la meditazione è un fatto che, secondo Randi, ha la sua spiegazione scientifica, poiché di tratta dell’effetto comune dovuto a un minor assorbimento di ossigeno. Un effetto simile al rilassamento prodotto dalla MT può essere provocato dall’ ascolto della musica; le onde cerebrali, registrate durante la meditazione, hanno le stesse caratteristiche di quelle che si producono durante lo stato di sonnolenza; la maggiore capacità degli studenti della MT di isolarsi dai rumori può essere raggiunta e superata da studenti di yoga. Tutto, secondo Randi, è spiegabile con teorie fisiologiche tradizionali che mostrano il modo in cui funzionano mente e corpo. 

Randi non considera attendibili neanche i risultati delle ricerche che proverebbero l’efficacia dell’“Effetto Maharishi”. Secondo le ricerche presentate dall’organizzazione nelle comunità dove l’1% della popolazione si dedica alla MT, si verificherebbe un miglioramento della qualità generale di vita, diminuirebbero la criminalità e gli incidenti stradali. In seguito a riscontri effettuati nei luoghi citati dalla MT Randi conclude che, per esempio, nella comunità di Santa Barbara gli effetti benefici attribuiti a Maharishi coincisero con alcune misure repressive adottate dalla polizia contro i consumatori di droghe pesanti (autori dei reati che effettivamente diminuirono in quel periodo). 

Per quanto riguarda la presunta “levitazione” ottenuta grazie alla MT, Randi afferma che non è stata fornita la minima prova che essa si sia mai verificata, così come non ci sono prove del fatto che alcune persone siano diventate invisibili o abbiano acquisito conoscenze straordinarie che prima non avevano. La conclusione a cui giunge Randi nel suo articolo è che “nonostante i presunti effetti benefici della MT molta gente continua a morire in modo violento in tutto il mondo”, e, servendosi di un triste paradosso, egli ricorda che, proprio nel 1978, anno in cui, secondo le previsioni di Maharishi, ”ogni nazione diventerà invincibile” si è verificato il tristemente famoso suicidio di massa nella Guyana. Se Randi riferisce esattamente le parole di Maharishi, allora si potrebbe concludere che la MT, almeno sul suo fondatore, non ha prodotto gli effetti sperati. 

O forse, i seguaci di Maharishi ci diranno che quel massacro avvenne perché la setta di Jim Jones non praticava la Meditazione Trascendentale?

 

 

PENSIERO DELLA CHIESA

 

[…] Il contatto sempre più frequente con altre religioni e con i loro differenti stili e metodi di preghiera, ha condotto negli ultimi decenni molti fedeli ad interrogarsi sul valore che possono avere per i cristiani forme non cristiane di meditazione. La questione riguarda soprattutto i metodi orientali. […]

Con l'espressione "metodi orientali" s'intendono metodi ispirati all'induismo e al buddismo, come lo "Zen" o la "meditazione trascendentale" oppure lo "Yoga". Si tratta quindi di metodi di meditazione dell'estremo oriente non cristiano, che non di rado oggi sono adoperati anche da alcuni cristiani nella loro meditazione. Gli orientamenti di principio e di metodo contenuti nel presente documento intendono essere un punto di riferimento non solo in relazione a questo problema, ma anche, più in generale, per le diverse forme di preghiera oggi praticate nelle realtà ecclesiali, in particolar modo nelle associazioni, movimenti e gruppi.

[…] Con l'attuale diffusione dei metodi orientali di meditazione nel mondo cristiano e nelle comunità ecclesiali, ci troviamo di fronte ad un acuto rinnovarsi del tentativo, non esente da rischi ed errori, di fondere la meditazione cristiana con quella non cristiana. Le proposte in questo senso sono numerose e più o meno radicali: alcune utilizzano metodi orientali solo ai fini di una preparazione psicofisica per una contemplazione realmente cristiana; altre vanno oltre e cercano dì generare, con diverse tecniche, esperienze spirituali analoghe a quelle di cui si parla in scritti di certi mistici cattolici; altre ancora non temono di collocare quell'assoluto senza immagini e concetti, proprio della teoria buddista, sullo stesso piano della maestà di Dio, rivelata in Cristo, che si eleva al di sopra della realtà finita e, a tal fine, sì servono di una "teologia negativa" che trascende ogni affermazione contenutistica su Dio, negando che le cose del mondo possono essere una traccia che rinvia all'infinità di Dio. Per questo propongono di abbandonare non solo la meditazione delle opere salvifiche che il Dio dell'antica e della nuova alleanza ha compiuto nella storia, ma anche l'idea stessa del Dio uno e trino, che è amore, in favore di un'immersione "nell'abisso indeterminato della divinità"

 

Lettera Orationis Formas su alcuni aspetti della meditazione cristiana. Congregazione per la dottrina della fede (15 ottobre 1989) N. 2 e 12

 

 

IN SINTESI

 

Affermazioni Contrarie alla fede:

 

- L’uomo e tutta la realtà possono fondersi con Dio

- Il mondo e la realtà sono illusione

- La vita spirituale è una illusione

- L’uomo è un dio che ritrova se stesso attraverso la meditazione e non ha bisogno di salvezza

- La meditazione è una tecnica che consente all’uomo di diventare dio, di immergersi nella sfera del divino che trascende quella terrestre

- La meditazione è una tecnica che ottiene benefici materiali e fisici, poteri straordinari

- Recitazione del “ mantra” che è l’invocazione ripetuta dei nomi di divinità induiste

 

Il credente afferma:

 

- L’uomo è creatura e Dio è il Creatore

- La creazione è opera di Dio nella quale Egli manifesta il suo amore

- Esiste un sentiero che porta a Dio, la via che è Cristo

- L’uomo ha bisogno della salvezza che viene solo dalla grazia di Dio e che può ottenere attraverso la fede e le opere

- La meditazione cristiana orante cerca di cogliere in Cristo e nello Spirito la profondità divina che vi si rivela sempre attraverso la dimensione umano-terrena 

- Il fine della contemplazione cristiana è il libero amore di Dio che concede i suoi doni nei tempi e nei modi che solo Lui conosce

- L’unico Dio che il cristiano può invocare è il Dio Trinitario

 

Raffaella Di Marzio

 

Riferimenti

 

- François M. Dermine, La Meditazione Trascendentale: un esempio di movimento religioso di matrice orientale, in "Sette e Religioni", 1991, n.2, p. 253-265

- James Randi, Meditazione Trascendentale, in "Scienza & Paranormale", Gennaio-Febbraio 2001, Anno IX, n. 35, p. 22-37

 

Tratto da "La Salette" - N. 3 - Anno 67 - Settembre-Ottobre 2001

 

© 2002 - E' vietato riprodurre questo articolo o parti di esso senza il consenso esplicito dell'autore